Un folto gruppo di amici del Pime, in modo particolare tante famiglie con bambini, ha partecipato domenica scorsa al “Mission Fest” che si è tenuto a Mascalucia (Catania), promosso dal Pime in collaborazione con l’Ufficio per la pastorale familiare della diocesi. Tema della giornata: “Famiglia è Missione” e non poteva essere altrimenti, iniziando il Sinodo per la famiglia proprio il 5 ottobre.

 

Dopo un momento di preghiera per il Sinodo, la giornata è stata aperta dalla famiglia Ventola che ha presentato la sua testimonianza: Simone e Irene, sposati da 13 anni, sono stati missionari in Thailandia per 4 anni con l’Associazione Laici Pime (Alp). Partiti per l’Asia con due bambini già nati e uno in arrivo (la moglie era incinta, in seguito è arrivato anche il quarto), hanno vissuto la loro missione a Bangkok, collaborando con i padri del Pime e le realtà locali, a servizio dell’evangelizzazione e della promozione umana (in particolare della donna).

A seguire è stata celebrata una Messa ben partecipata, presieduta dal vicario generale dell’Istituto, padre Davide Sciocco, con la presenza di padre Giovanni Tulino, attivo per anni nell’animazione del Pime in Italia del Sud e ora in partenza per la Cambogia; con lui anche padre Sebastiano D’Ambra, missionario di origini siciliane, attivo nell’isola filippina di Mindanao.
Nell’omelia della Messa padre Davide ha fatto riferimento al brano del Vangelo, sottolineando l’importanza della famiglia. “Siamo tutti chiamati a lavorare nella vigna di Dio Padre, siamo tutti chiamati a diffondere il Vangelo, ma la famiglia ha una marcia in più”, ha spiegato.

Padre Davide ha fatto riferimento in modo speciale a una famiglia conosciuta in Guinea Bissau, suo campo di missione per anni, alla quale era ed è molto legato: lui cattolico, lei no, nonostante i divieti delle loro famiglie si sono sposati. Quella coppia è stata di grandissimo aiuto alla missione: la gente dei villaggi faceva fatica a capire la predica del missionario, ma non la loro testimonianza concreta di fede vissuta.“

Dopo il pranzo erano previsti dei bellissimi giochi all’aperto per le famiglie – racconta padre Massimo Bolgan, animatore del Pime a Mascalucia - ma un improvviso acquazzone ha costretto partecipanti e organizzatori ad un rientro forzato in sala, dove ci sono realizzati lavori di gruppo sui vari ambiti legati al rapporto famiglia-missione”.

Condividi
FaceBook  Twitter  

 

 

SCHEGGE DI BENGALA

Il Blog di P. Franco Cagnasso

LETTERA DALLA MISSIONE

Il Blog di P. Silvano Zoccarato

JSN_TPLFW_GOTO_TOP

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.  Leggi di più