È un valsassinese “doc” - l’introbiese fratel Felice Tantardini, missionario laico per quasi 70 anni nell’ex Birmania, morto nel 1991 all'età di 93 anni - il personaggio che il Pime (Pontificio Istituto Missioni Estere) ha scelto come icona di riferimento, nell’anno che l’istituto intende dedicare alla figura del missionario a vita.  

Domenica 8 ottobre, proprio a Introbio, ha preso solennemente il via l’anno speciale voluto dal Pime, alla presenza del Superiore generale, padre Ferruccio Brambillasca, del Vicario generale, padre Davide Sciocco e di una folta rappresentanza di padre, di missionari laici, di suore dell’Immacolata e di laici dell'ALP. Erano presenti anche numerosi ospiti della casa di riposo di Rancio.

Fratel Felice Tantardini per tutta la vita ha fatto il missionario a modo suo, col martello in mano: fabbro, falegname, tuttofare, ha costruito in varie missioni della Birmania scuole, conventi, chiese… La sua è stata una modalità di testimonianza missionaria vissuta nell’umiltà, nel servizio e nella dedizione agli altri: tutti valori che ancora oggi risultano attualissimi e debbono continuare a caratterizzare la figura del missionario laico, come ha ricordato il Superiore generale nell’omelia della Messa solenne che ha aperto la giornata di Introbio.

Padre Brambillasca, che è stato in Myanmar (l’antica Birmania) varie volte, ha pure sottolineato come di fratel Felice sia tuttora vivissimo il ricordo in missione, così come la devozione popolare. Senz’altro una delle ragioni – ha sottolineato ancora padre Ferruccio - è stata anche la gioia costante con la quale egli ha saputo vivere la sua vocazione missionaria, tant’è che – già da giovane – era soprannominato “Felice di nome e di fatto”. Di Tantardini è in corso la causa di beatificazione e c’è speranza che fra non molto lo si possa invocare come Beato.

Al  termine della Messa, presso Salone Teatro dell’Oratorio san Giovanni Bosco, è seguita una partecipata tavola rotonda con la presentazione, da parte di fratel Marco Monti, dei missionari laici del Pime attuali. Uno di loro, Fabio Mussi, attivo in Nord Camerun - un contesto segnato dalla violenza di Boko Haram e dalla fatica di assistere la popolazione nei suoi innumerevoli bisogni (alimentari, sanitari, di istruzione…) – ha portato la sua testimonianza, mettendo in evidenza le specifiche caratteristiche del missionario laico attuale: dedizione, salde motivazioni evangeliche ma anche professionalità. Nel pomeriggio è seguita la visita ai luoghi di fratel Felice. Merito dell’efficace organizzazione della giornata è del comitato Fratel Felice che, attorno al parroco don Marco Mauri e al professor Marco Sampietro, raduna da anni molte persone del paese e della valle e alcuni parenti: a tutti loro il Superiore generale ha espresso il "grazie" sentito dell'Istituto.

Per l’occasione, è stata inaugurata anche la mostra “Martello, Rosario e pipa”, realizzata dal giornalista Gerolamo Fazzini e dalla grafica Mariangela Tentori (Teka Edizioni): un itinerario fotografico - moderno e accattivante - che ripercorre la vicenda e presenta il messaggio di fratel Tantardini, corredato da testimonianze di confratelli dell’epoca e di frasi del missionario valsassinese.

Ai fedeli è stato inoltre distribuito un supplemento dedicato a Tantardini e ai missionari laici del Pime che accompagna il numero di ottobre di “Mondo e Missione”: una delle tante iniziative che il Pime ha messo in campo per far conoscere la santità nascosta di questo umile ma straordinario figlio della Valsassina. Va ricordato, infine, che l'autobiografia di fratel Tantardini, riedita dalla Emi di recente, si intitola “Il fabbro di Dio”, ma fratel Felice è noto anche col soprannome di “santo col martello”, titolo di un fortunato volume a lui dedicato da padre Piero Gheddo (Emi). 

 

Condividi
FaceBook  Twitter  

 

 

SCHEGGE DI BENGALA

Il Blog di P. Franco Cagnasso

LETTERA DALLA MISSIONE

Il Blog di P. Silvano Zoccarato

Vai all'inizio della pagina