I 50 anni dei Missionari di san Tommaso: la missione ad gentes della Chiesa siro-malabarica

Si chiude oggi, nella città indiana di Pala (Kerala), il convegno di missiologia intitolato “Ruolo e rilevanza degli istituti e congregazioni missionari nella missione ad gentes e nuova evangelizzazione”, iniziato  13 novembre. È organizzato dall’Istituto dei Missionari di San Tommaso (MST), che riflettono sulla loro vocazione missionaria in occasione del cinquantesimo anniversario della loro fondazione, coordinato da p. Jose Palakeel.

Padre Gianni Criveller – che vi ha partecipato, su indicazione del Superiore generale, padre Ferruccio Brambillasca, per rappresentare il Pime e presentare una riflessione missiologica sulle sfide della missione in Cina e le sue relazioni con l'India – ci ha inviato questo resoconto che volentieri pubblichiamo, ringraziandolo del contributo. 

I missionari di san Tommaso sono una realtà missionaria ancora giovane e in espansione. Sono il primo istituto esclusivamente missionario della Chiesa siro-malabarica del Kerala, nota anche, per l’origine apostolica, come “i cristiani di San Tommaso”. I missionari di San Tommaso esprimono dunque la decisione di questa Chiesa ad essere impegnata in pieno nell’attività missionaria ad gentes.

La Chiesa siro-malabarica, che conta 4,5 milioni di fedeli, esprime una vitalità cristiana impressionante. L’India è il Paese con il maggior numero di missionari in uscita verso il mondo e Pala in particolare - dove si svolge il convegno e sono nati i missionari di San Tommaso nel 1968 - è la diocesi indiana con il più alto numero di candidati alla vita ministeriale e religiosa.

In India i fedeli vivono ogni giorno gravi sfide della missione: il fondamentalismo religioso che perseguita i cristiani; il nazionalismo che vorrebbe marginalizzare e spegnere le Chiese; il confronto quotidiano e dialogo della vita con credenti di altre fedi.

Il convegno, che vede la presenza di circa 50 missionari e studiosi, rappresentanti di numerose società e congregazioni missionari, maschili e femminili, è stato aperto, con un intervento di grande respiro, dal vescovo della diocesi di Pala, Mar Joseph Kallarangatt, il più noto teologo vivente della Chiesa siro-malabarica. Il direttore generale dei MST, p. Kurian Ammanathukunnel, ha delineato la storia dell’istituto, che si propone di inviare missionari per l’evangelizzazione dell’India. L’India infatti è un subcontinente con molti Stati, con lingue e culture completamente diversi. Per i missionari di San Tommaso uscire dal Kerala ed evangelizzare in altre zone dell’India è un atto di uscita missionaria vero e proprio. I missionari evangelizzano anche in altre nazioni in Europa (compresa l’Italia) e nelle Americhe, seguendo la richiesta di vescovi locali.

L’Istituto sta crescendo in modo notevole: conta ora 345 membri, e 200 seminaristi, con un centinaio nel seminario maggiore.

Sono presenti al convegno altri istituti missionari di origine indiana, tra i quali le Carmelitane di Maria Immacolata, le Figlie di san Tommaso, e la congregazione delle Clarisse francescane. A quest’ultima congregazione, nata in Kerala, e che conta ben 7000 religiose, apparteneva santa Alphonsa, canonizzata da papa Benedetto (la prima fedele alla Chiesa siro-malabarica ad essere canonizzata), originaria proprio di Pala. Qui si trova anche il grande santuario a lei dedicato. Alla stessa congregazione del Kerala apparteneva suor Rani Maria Vattalil, uccisa a Indore (Madya Pradesh), su ordine di proprietari terrieri nel 1995, e beatificata lo scorso 4 novembre. La sua commovente storia continua a far notizia: l’omicida ha cambiato vita, è stato liberato su richiesta della famiglia della eroica suora, e ha partecipato alla beatificazione della sua vittima.

Al convegno hanno preso la parola rappresentati di congregazioni missionarie, tra cui i Missionari di San Francesco Saverio e l’Istituto missionario dell’India, entrambi altre espressioni missionarie della Chiesa indiana.

C’è stata grande attenzione, negli interventi, a comprendere sfide della missione, in particolare in India. Il pensiero missionario espresso dai studiosi presenti, talvolta in modo molto approfondito e innovativo, si confronta con una missione che evolve e cambia, accettando fino in fondo la complessità delle sfide attuali. Non c’è nessun senso di sfiducia o scoraggiamento di fronte a gravi difficoltà e incertezze circa il futuro. La Chiesa in India conosce da sempre la realtà della marginalità (2.3% della popolazione), ma è rimasta fedele alla propria antichissima tradizione nonostante innumerevoli opposizioni e incomprensioni (venute, in passato, persino dalla Chiesa coloniale). Oggi, più che mai, c’è la consapevolezza che non c’è Chiesa, per quanto antica e prestigiosa, senza missione.

Hanno preso parte al convegno anche membri di società missionarie di altri Paesi asiatici. Il Pime, attivo in India da 150 anni, è rappresentato dal sottoscritto, che ha illustrato le sfide missionarie della Cina, e la forte connessione storica tra la missione in India e quella in Cina.

Gianni Criveller

Condividi
FaceBook  Twitter  

 

 

SCHEGGE DI BENGALA

Il Blog di P. Franco Cagnasso

LETTERA DALLA MISSIONE

Il Blog di P. Silvano Zoccarato

Vai all'inizio della pagina