«Nel cuore di Pechino, in un quartiere affollato di macchine, motorini, biciclette e pedoni. Dentro una stradina sconnessa si infila un furgoncino e quando parcheggia ne scende una comitiva festante e rumorosa. Sono i ragazzi del centro Huiling, una delle più importanti onlus cinesi impegnata in progetti di sviluppo a favore di persone portatrici di handicap mentali.

Con loro c’è un occidentale coi capelli castano scuro, il viso un po’ smagrito e la faccia da ragazzo. Tutti lo chiamano Franco, sanno benissimo che è un prete, ma prima di tutto è il loro amico italiano».
Comincia così l’articolo che questa settimana la rivista “Credere” della San Paolo dedica a padre Franco Bellati, missionario del Pime in Cina: un ampio servizio, corredato da fotografie intense. 41 anni, originario di Premana, un paese di montagna in provincia di Lecco, è stato ordinato prete nel 1999. Da quattro anni vive in Cina e si prende cura di persone con disabilità intellettiva. Da poco, dopo aver passato tre anni a Pechino, è stato trasferito a Canton, in un altro centro della ong “Huiling”, per continuare la sua opera in una piccola comunità agricola dove ci sono una decina di ragazzi disabili. «Questo è quello che ho scelto di fare, ed è qui che voglio rimanere, in mezzo a queste persone un po’ speciali». Il servizio di “Credere”, firmato da Stefania Culurgioni, spiega che «il disabile fisico in Cina è sempre stato considerato una persona deforme, una fonte di imbarazzo, qualcuno di cui vergognarsi, da tenere nascosto. I disturbi psichiatrici sono sempre stati considerati tipici dei Paesi occidentali capitalisti e, tuttavia, con la crescita economica, sono aumentate proprio le patologie dovute allo stress: disturbi di ansia, dell’umore, del comportamento, depressione, bipolarismo, tanto che una persona su cinque ne soffre. Per non parlare, infine, della disabilità mentale che, in Cina, è sempre stata associata con la sfortuna, come un marchio del destino. Le persone che ne erano affette, fino a poco tempo fa, erano costrette a fare vite nascoste e penose». Tutto questo rende, insomma, ancor più profetico il lavoro di quanti –
come padre Bellati, ma anche un suo anziano confratello, Giosuè Bonzi – si chinano sui disabili e ne condividono la vita.Padre Bellati lavora presso la ong Huiling, una delle più affermate nella cura dei disabili in Cina. «Questa organizzazione – spiega - si rivolge a portatori di handicap mentale ma in un modo diverso: vuole aiutarli ad avere una vita attiva nella società, il più possibile normale, fatta di gioie e sofferenze, desideri e successi, decisioni da prendere e scelte da fare». «La mia giornata comincia alle sei con la preghiera», continua padre Franco, «poi si comincia il lavoro. A Pechino si facevano delle attività insieme, a Canton ci occupiamo della fattoria. Lo scopo della mia vita qui è vivere il Vangelo, cercare di fare del bene, anche perché spesso i ragazzi provengono da situazioni di degrado ma sanno che la Chiesa è un posto dove sei accolto». Però non tutto è facile: «Questa è una società non cristiana», dice padre Franco, «e io non sono qui per fare proselitismo. Sono qui solo per vivere la mia fede e i miei valori. Non cerco di convincerli a diventare cattolici come me, mi interessa solo che godiamo insieme della vita. È vero che ci sono persone che negli anni sono andate a fare il catecumenato e si sono battezzate, ma questa è l’opera di qualcuno più grande sopra di noi».

Condividi
FaceBook  Twitter  

 

 

SCHEGGE DI BENGALA

Il Blog di P. Franco Cagnasso

LETTERA DALLA MISSIONE

Il Blog di P. Silvano Zoccarato

Vai all'inizio della pagina

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.  Leggi di più